Foto

Il Saurer-Club Ticino ha visto giungere a Campo Blenio un totale di 117 veicoli, per la maggior parte d’epoca ma anche diversi mezzi pesanti ancora operativi, provenienti da tutta la Svizzera.

Il 30° raduno del Saurer-Club Ticino

Sabato 11 settembre si è svolto il 30° raduno organizzato dal Saurer-Club Ticino fondato nel 1990. Come da diversi anni è stato il magnifico villaggio di Campo Blenio a 1200 metri di altitudine ad accogliere i numerosi appassionati.

In una giornata baciata dal sole, in un luogo spettacolare circondato da pascoli e montagne, gli organizzatori hanno visto giungere 117 veicoli, per la maggior parte d’epoca ma anche diversi ancora operativi, provenienti da tutta la Svizzera. Saurer e Berna, in condizioni perfette, hanno sfoggiato tutto il loro splendore davanti a un folto pubblico di tutte le età. I primi partecipanti sono giunti in Valle di Blenio venerdì pomeriggio 10 settembre ma poi, già nelle prime ore del mattino di sabato 11 settembre, una pacifica invasione di autocarri e bus ha rallegrato l’intera regione.

Un traguardo importante

Il raduno del Saurer-Club Ticino è una manifestazione che ha sempre riscosso un buon successo in tutte le proprie edizioni. Flavio Pagnamenta, presidente del Saurer-Club Ticino, ha ringraziato tutti i colleghi di comitato, i collaboratori e gli amici degli Impianti Sciistici di Campo Blenio per l’impegno nell’organizzazione. Flavio Pagnamenta ha poi ringraziato in modo particolare i suoi predecessori Roberto Puricelli, Antonio Mantegazzi e Rino Vicari, che succedendosi alla presidenza hanno portato il Saurer-Club Ticino all’importante traguardo dei 30 anni. (Enzo Agustoni)

Dei mezzi pesanti di costruzione svizzera di quasi tutti i colori e di quasi ogni annata.
In primo piano, il Saurer D330B di Rino Vicari, ex presidente del Saurer-Club Ticino.
Questo Saurer del 1957 era uno dei più vecchi esposti a Campo Blenio.
A sinistra, il Saurer D 330 della ditta «Bernasconi Massimo trasporti e scavi».
Il Saurer-Club Ticino ha visto giungere a Campo Blenio un totale di 117 veicoli, per la maggior parte d’epoca ma anche diversi mezzi pesanti ancora operativi, provenienti da tutta la Svizzera.